Qual è il miglior intervento per mantenersi in salute? L’attività motoria

In un articolo apparso sul prestigioso British Journal of Sports Medicine Steven Blair porta dei dati relativi ai principali fattori di rischio che minano la nostra salute. Si tratta di patologie importanti come cardiopatie, diabete tipo 2 e alcune forme di tumore.

HealthWellness

Secondo la sua opinione, suffragata da dati epidemiologici, l’inattività fisica è il fattore di rischio più importante. Ovviamente non mancano all’appello le abitudini alimentari ed il fumo, ma l’associazione tra malattia ed inattività è quella più evidente. La figura 1 mostra i dati raccolti presso l’Aerobics Center Longitudinal Study (ACLS) ed indica l’associazione tra alcuni fattori di rischio e la percentuali di decessi. E’ possibile rilevare come la percentuale più alta (16%) è relativa al “Low CRF”, ovvero bassa fitness cardio respiratoria che rappresenta il parametro modificabile con l’attività fisica.

fattore rischio

 

Blair nota come la maggior parte dei medici solitamente si preoccupa di monitorare parametri come la pressione, i livelli di colesterolo ma quasi nessuno considera il VO2max importante per valutare lo stato di salute generale. Questo è paradossale come dimostrano i dati raccolti. Nella figura 2 sono mostrati i dati relativi a 2316 uomini con diabete di tipo 2 seguiti per 16 anni, durante i quali 179 di essi sono deceduti per disagio cardio-vascolare. Nella figura sono mostrati i dati relativi al rischio di decesso per disagio cardio-vascolare (Risk of CVD Mortality) in base al livello di fitness ripartito nelle varie fasce di BMI (Body Massi Index). Si noti come le persone obese (BMI>30) che svolgono attività fisica in modo moderato o frequente hanno la metà del rischio di morire di CVD rispetto a persone normopeso (BMI<25) che sono sedentarie. Blair sostiene che i medici non dovrebbero associare e consigliare ai loro pazienti l’attività fisica allo scopo di dimagrire, ma al contrario come intervento terapeutico preventivo.

fattore rischio 2

E’ in atto una rivoluzione silenziosa di cui finalmente anche la persona comune inizia ad avere consapevolezza. Il movimento è vita tieniti in movimento.


 

Fonte:

Br J Sports Med 2009;43:1-2
Warm up
Physical inactivity: the biggest public health problem of the 21st century
Steven N Blair

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...